menu
menu
menu
menu
menu

INFORMAZIONI

dai nostri esperti di zanzare

INFORMAZIONI

dai nostri esperti di zanzare

Devo preoccuparmi dell’influsso del virus Zika sulle gravidanze?

I dubbi sui possibili legami tra difetti alla nascita e il virus Zika sono ciò che ha attirato l’attenzione di molte autorità sanitarie di tutto il mondo – tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’Organizzazione Panamericana della Sanità (PAHO), i Centri statunitensi per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Il 1° febbraio 2016, in relazione a gruppi di casi di microcefalia e disturbi neurologici verificatisi in alcune aree colpite dal virus Zika, il Direttore Generale dell’OMS ha affermato che esiste un’emergenza di sanità pubblica mondiale. Il 7 aprile 2016, l’OMS ha comunicato che gli scienziati concordano nell’affermare che il virus Zika può causare microcefalia e sindrome di Guillain-Barre; il 13 aprile 2016, i CDC hanno affermato che non esistono prove a sufficienza per affermare con assoluta certezza che il virus Zika causi la microcefalia.

La microcefalia è un raro difetto congenito a causa del quale il neonato ha un cranio e un cervello di dimensioni inferiori alla norma. Le organizzazioni sanitarie stanno pianificando altri studi per avere maggiori informazioni sui rischi del virus Zika durante la gravidanza.

Pur non avendo concluso che il virus Zika causa microcefalia, le autorità sanitarie tra cui OMS, PAHO, CDC ed ECDC raccomandano alle donne incinte di non recarsi in aree dove è in atto un’epidemia di Zika. Inoltre, consigliano alle donne che vivono in tali aree di proteggersi con ancora più attenzione dalle zanzare.

Alle donne incinte o che stanno pianificando una gravidanza, i CDC consigliano di rimandare eventuali viaggi nelle zone con epidemie del virus Zika, o almeno di parlare coi propri medici prima del viaggio.

I dati e le situazioni sono in costante evoluzione, pertanto le donne incinte sono invitate a consultare i siti web di OMS, PAHO, CDC o ECDC per avere le informazioni più aggiornate.